11

settembre 2014

Lipsia non dimentica, “Stasi: potere e banalità”

autore:

Per 40 anni la “Runde Ecke” è stata la sede del quartier generale della Stasi, seconda per grandezza solo a quella di Berlino. Qui il Ministero per la Sicurezza dello Stato agiva come organo di controllo di regime dell’ex Repubblica Democratica tedesca: spiava i cittadini, registrava le loro conversazioni e monitorava le loro attività in modo da poter impedire il sorgere di moti contro il governo autoritario della Germania dell’Est.

Oggi la “Runde Ecke” non è più un simbolo di soppressione ma un museo luogo della memoria. Attraverso la mostra “Stasi- potere e banalità” si entra nel quotidiano della vita del quartier generale proprio com’era 25 anni fa, prima che il movimento pacifico sollevasse il vento del cambiamento. Lo storico edificio di tre piani all’angolo con via Dittrichring, ha mantenuto l’originale pianta e dislocazione degli ambienti. Nelle stanze al primo piano si vedono le attrezzature utilizzate dagli uomini della Stasi per spiare gli oppositori: in particolare microfoni, camere di sorveglianza e macchine fotografiche, inoltre gli oggetti e i capi d’abbigliamento sequestrati ai cittadini. Le celle dove venivano rinchiusi gli oppositori in attesa di processo sono fedelmente riprodotte come anche l’ex ufficio dei funzionari. Lungo il corridoio sono esposti i manifesti degli anni ’70 della Stasi, di propaganda e prevenzione contro eventuali sabotaggi. All’entrata, invece, si ripercorre la storia dei movimenti di opposizione con cartellonistica e documenti ufficiali, per capire cosa hanno significato quei 40 anni di contestazioni contro il regime della DDR.

Lipsia è l’unica città tedesca in cui l’edificio originale e le stanze di un dipartimento della Stasi sono state preservate e aperte al pubblico come memoriale. Oltre al Runde Ecke anche il Bunker della Stasi, a 30 km a est di Lipsia e l’ex luogo di esecuzione, a sud della città, sono luoghi simbolo della memoria aperti al pubblico.

Il progetto della loro valorizzazione è stato fortemente voluto dal Comitato dei Cittadini di Lipsia, unitosi con la Rivoluzione Pacifica, con l’auspicio che le generazioni future rifiutino sempre le dittature e siano incoraggiati ad agire democraticamente.

Audio guide in italiano disponibili per la visita.

Per maggiori informazioni http://www.runde-ecke-leipzig.de

Credit photo: Lobstädt

Argomenti correlati

Sassonia Turismo Blog © 2017 — Finanziato con il contributo della Regione Sassonia — Concept by PR Partner s.a.s.