23

ottobre 2015

L’upcycling protagonista a Lipsia

autore:

Conoscete il concetto di upcycling? Si tratta di un processo creativo che trasforma un rifiuto in un nuovo oggetto! Da non confondere con il termine  recycling mi raccomando, che invece descrive un processo industriale di trasformazione del rifiuto. L‘upcycling italiano e il progetto “Scart” di Waste Recycling sarà protagonista al Designers’ Open, la fiera del design di Lipsia che si tiene in questi giorni presso il Centro Fieristico e il museo di Arti Applicate, il Grassi Museum. A portare il tema dell’upcycling all’interno della manifestazione è la “Kunst Kraft Werk”, il nuovo centro di cultura sperimentale di Lipsia, che co-partecipa al festival e di cui il progetto italiano è special guest.

Waste Recycling è un’impresa italiana che si occupa di smaltimento di rifiuti industriali e trattamento degli scarti di lavorazione provenienti da numerosi cicli produttivi, e “Scart” è il suo progetto artistico che crea, con l’utilizzo esclusivo di rifiuti industriali, elementi di arredo, abiti, lampade, opere.

Stilisti, progettisti e designer alle preso con gioielli artistici, tessuti e oggetti d’arte esporranno sia al Museo Grassi che alla Kunst Kraft Werk nell’ambito del progetto di design ecologico “Original Old/Echt Alt”: prodotti fatti a mano con materiale di recupero realizzati in maniera artigianale. Nell’ambito di questo progetto, Scart esporrà numerosi pezzi della collezione, tra cui i costumi di scena della settimana edizione del Teatro del Silenzio di Andrea Bocelli.

A portare a Lipsia “la creatività circolare” all’italiana ci sono Margherita Marchioni, Vittoria Lapolla, Erika Trojer, Cartantom di Antonella Tommasi, Luca Coccioli e Lorenzo Pettineo di Vinili&Vinili, Antonio Scorrano e Riccardo Casagrande.

Per info http://www.designersopen.com; www.w-r.it

Credit: Designer’s Open

Tags:
Categorie:Eventi Lipsia

Argomenti correlati

Sassonia Turismo Blog © 2017 — Finanziato con il contributo della Regione Sassonia — Concept by PR Partner s.a.s.