24

luglio 2014

Su due ruote alla scoperta dell’Elba

autore:

C’è un modo molto particolare (e piacevole) di scoprire la vera Sassonia. Un modo che permette di abbinare il piacere della vacanza a quello del viaggio e al benessere fisico. Non avete mai pensato di partire alla scoperta della Sassonia sulle due ruote? Quelle di una bici, naturalmente, anche se la nostra terra si presta bene anche a tour motociclistici. Un’idea potrebbe essere percorrere la ciclabile dell’Elba che nel suo tracciato integrale è lunga 900 km (da Praga a Cuxhaven), praticamente sempre in pianura. Per vedere le bellezze della Sassonia bastano 180 km o anche meno… Attraverso la via cicloturistica si raggiungo con le due ruote i più importanti monumenti di Dresda, la “Firenze dell’Elba”, ma anche i selvaggi boschi e le caratteristiche montagne di roccia arenaria della Svizzera Sassone, che ricordano la Monument Valley in Utah/Arizona. Lungo la tratta si passa anche attraverso la zona dei vigneti e dei castelli che producono vini bianchi da oltre 850 anni.

Spuntini per ciclisti
Lungo 1.091 km, l’Elba è uno dei maggiori fiumi europei e nasce sui Monti Sudeti, nella Repubblica Ceca, per sfociare nel Mare del Nord. Oltre ad essere un’importante via commerciale (quasi interamente navigabile), il suo corso, soprattutto nel tratto sassone, è un melting-pot di natura e cultura. All’estremo est s’incontrano le rocce di arenaria della Svizzera Sassone e i “nidi d’aquila” delle tante fortezze che dominano il corso del fiume dall’alto. Verso Dresda i pendii si trasformano nelle dolci colline dei monti “Meissner Spaargebirge” (della città di Meissen), mentre all’estremo nord-ovest si incontra Torgau, culla della Riforma Luterana. Durante il percorso le soste culinarie da pianificare sono presso le “Besenwirtschaft”, che si chiamano così da Radebeul in poi. Si tratta delle vinerie dove i ciclisti possono rifocillarsi, dove al vino locale si accompagnano assaggi di prodotti tipici che stuzzicano l’appetito!

La Firenze dell’Elba
Raggiunta Dresda, città dall’immenso patrimonio artistico e architettonico, si trovano quasi sul ciglio della ciclabile, le famose Collezioni d’Arte Statali (Staatliche Kunstsammlungen Dresden), un polo museale con ben 14 musei e preziosissime raccolte d’arte, come la Pinacoteca dei Maestri Antichi nello Zwinger con Semperbau o quella dei Nuovi Maestri all’Albertinum, senza dimenticare la Semperoper o la Frauenkirche, anche questa “a portata di sella”… Il percorso Sassone della Via ciclabile dell’Elba può essere seguito da Schönau a Torgau oppure in senso opposto.

Di castello in castello
In sella alla ciclabile scoprirete anche i gioielli barocchi della Valle dell’Elba, dal castello di Pillnitz a quello di Wackerbarth, passando per Proschwitz fino all’Albrechtsburg di Meissen e tanti altri. Tante sono le possibilità di personalizzare il proprio tour, seguite, ad esempio, l’itinerario proposto da Iodonna.it a questo link e buon viaggio!

Altre informazioni utili sul sito ufficiale http://www.elberadweg.de.
Sul sito http://www.sassoniaturismo.it ci sono alcune proposte che prevedono l’affitto della bici, i pernottamenti e il trasporto dei bagagli.

Credit photo: Marcus Gogler

 

Sassonia Turismo Blog © 2017 — Finanziato con il contributo della Regione Sassonia — Concept by PR Partner s.a.s.