17

settembre 2018

Lipsia Designer’s Open 2018

autore:

 

Tre giorni a Lipsia all’insegna di innovazione, creatività e artigianato dal 26 al 28 ottobre. Scoprite le piazze del design di Lipsia e gli itinerari da seguire.

1 La Kongresshalle.

Edificio primi ‘900, originale per il mix di elementi architettonici art-decò e moderni che si trova nello Zoo di Lipsia. 15 sale espositive e 500 progetti da 25 paesi che si contenderanno il Green Product Award.

2 Il Museo Grassi delle arti applicate.

Sede della “Grassimesse”, il forum internazionale del design e delle arti applicate. Da visitare per informarsi, esplorare, toccare con mano e acquistare oggetti artigianali, complementi d’arredo, vestiti, giocattoli legati da un denominatore comune: la qualità. Il museo Grassi è un’istituzione culturale di Lipsia: vi consigliamo senz’altro di visitare la raccolta poliedrica di oggetti e utensili di design, dai primi del ‘900 ai giorni nostri.

3 Si chiamano DO/Spots.

Sono officine e i laboratori del design situati in diversi luoghi cittadini di Lipsia, tra i quali il Westwerk, il Tapetenwerk e il Kunstkraftwerk, spazi ristrutturati di ex stabilimenti industriali, che segnavano l’anima della città agli inizi del ‘900 e che oggi sono importanti centri culturali e creativi della “nuova” Lipsia. Camminate volentieri? Visitateli nell’ambito del Designer’s Open percorrendo questo itinerario .

L’asse creativo del design attraversa il centro storico

Dalla Kongresshalle, sede del Designer’s Open, potrete raggiungere la Grassimesse, attraversando il centro storico di Lipsia, con i suoi eleganti edifici, alcuni ancora in attesa di restauro e di una destinazione, i Passagen, raffinate gallerie dello shopping, le chiese di San Tommaso (accarezzata dallo sguardo benevolo di Bach) e di San Nicola, che ebbe un ruolo fondamentale nelle manifestazioni popolari del 1989, e infine la piazza di Augusto, un concentrato di musica con gli edifici della Gewandhaus e l’Opera di Lipsia. Dalla piazza di Augusto alla Grassimesse sono circa 7 minuti a piedi.

Curiosità: le origini italiane del Museo Grassi

Franz Dominic Grassi nasceva da una famiglia di origini italiane, che si era trasferita a Lipsia agli inizi dell’800. Franz a Lipsia aveva fatto fortuna nel commercio. Lasciò alla città una cospicua somma con la quale, tra il 1925 e il 1929, fu realizzato l’edificio del museo che porta il suo nome.

Sedi e programmi del Designer’s Open 2018

  • Kongresshalle, Pfaffendorfer Strasse 31, presso lo Zoo di Lipsia, in un’area facilmente raggiungibile dalla stazione ferroviaria e dal centro cittadino | Biglietto: 8.50 euro; 5.50 euro dopo le ore 15:00. Programma: designersopen.com/Program/ (in inglese)
  • Museo Grassi delle arti applicate, Johannisplatzt 5-11, a 300 metri dalla Piazza di Augusto | Biglietto: 8 euro, gratis fino a 18 anni. Programma: http://www.grassimesse.de/en/ (in inglese)
Sassonia Turismo Blog © 2017 — Finanziato con il contributo della Regione Sassonia — Concept by PR Partner s.a.s.